Cinema

World Book Day, i più bei film tratti dai libri

Si celebra oggi il World Book Day, la Giornata Mondiale del Libro. Il libro è uno strumento importante per il mondo del cinema perchè molte volte l’idea di un film nasce proprio da un testo letterari. Diversi perciò sono i film tratti da romanzi o da racconti che hanno entusiasmato o meno il pubblico

Il World Book Day è un evento di ideazione anglosassone che ci ricorda l’importanza del libro e della lettura. Quante volta abbiamo letto un romanzo che ha ispirato un film o viceversa abbiamo scoperto questo romanzo grazie al film? La letteratura e il cinema sono due ambiti che a volte camminano sullo stesso filo. Spesso si scontrano quando la trasposizione cinematografica non è fedele al libro oppure danno vita ad opere immortali. Trasporre un libro in un film non è mai semplice perchè occorre trovare il giusto equilibrio tra il messaggio letterario e l’interpretazione cinematografica. Quando questo accade, il risultato è eccezionale.

World Book Day, i più bei film tratti dai libri

Una delle scene di Il Padrino, tratto dal romanzo di Mario Puzo, fonte American Movies

Molti sono film tratti dai libri di seguito vi proponiamo quelli che per noi sono i migliori. Cominciamo a parla di un grande e visionario autore come Stephen King. Ci voleva un regista altrettanto visionario e coraggioso come Kubrick per portare sul grande schermo, realizzando un cult, “Shining”. Pochi sanno poi che un film che ha segnato la storia del cinema diventando una delle più grandi saghe familiari mai raccontate è tratto in realtà da un romanzo. Stiamo parlando di “Il padrino” di Francis Ford Coppola tratto dall’omonimo libro di Mario Puzo.

Il connubio cinema letteratura ha dato ottimi risultati anche in tempi più recenti. Ad esempio il capolavoro di Paul Thomas AndersonIl petroliere” è una felice trasposizione cinematografica del romanzo del 1926 “Petrolio!” di Upton Sinclair. Ha di certo emozionato l’amore dilaniante e struggente dei due cowboy di “I segreti di Brokeback Mountain” di Ang Lee tratto dal racconto “Gente del Wyoming” di Anne Proulux.

Il cinema e la letteratura hanno generato capolavori anche nel cinema italiano. Basti pensare al cult di Luchino Visconti “Il Gattopardo”. Un monumentale affresco di una nobiltà decaduta che fece riscoprire l’autore dell’omonimo romanzo Giuseppe Tomasi di Lampedusa Ricordiamo infine il film testimonianza di Francesco RosiLa tregua” tratta dall’omonimo libro di Primo Levi che riporta sul grande schermo tutta la potenza del racconto del testimone della Shoah.

Stefano Delle Cave

Seguici su metropolitanmagazine.it

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button