Gli splendidi borghi medievali italiani da scoprire in autunno

L’inverno è ormai alle porte ma, prima che arrivi, cosa c’è di più affascinante di un antico borgo, immerso nei caldi colori autunnali? Oggi ViaggiAmo ci porta alla riscoperta di alcuni dei borghi medievali più belli e affascinanti d’Italia. La nostra penisola, che vanta una storia antichissima, ne è infatti piena. E ogni regione ne ospita diversi!

Vigoleno. PhotoCredit: Siviaggia.
Vigoleno. PhotoCredit: Siviaggia.

I borghi italiani, uno scenario di eterna bellezza

Caratterizzati da un patrimonio architettonico e naturale certificato dalla Sovrintendenza delle Belle Arti e costituiti da una popolazione inferiore a 6.000 abitanti, i borghi italiani sono più di 300, tutti con una caratteristica in comune: fanno sorridere, fanno innamorare. Sono, inoltre, tutelati e valorizzati da reti e associazioni come l’Associazione Borghi più Belli d’Italia, ma ce ne sono tante altre, anche di recente creazione. Da nord a sud, dunque, l’Italia è ricca di questi scorci incantevoli, che spesso ospitano un vero e proprio museo a cielo aperto. Andiamo a vederne alcuni!

Egna – Trentino Alto Adige

Partiamo dall’estremo Nord Italia con Egna, un paesino in provincia di Bolzano. Il borgo è immerso tra vigneti e meleti e circondato da splendide montagne. Ciò che caratterizza il paese sono sicuramente i portici, che ritroviamo in parecchie cittadine di stampo tedesco. Da non perdere la chiesa gotica (tra le più belle dell’Alto Adige) e l’annuale festa dei portici a fine agosto.

Egna. PhotoCredit: Siviaggia.
Egna. PhotoCredit: Siviaggia.

Scanno – Abruzzo

Situato nei pressi del grande Parco Nazionale d’Abruzzo, tra le località più affascinanti del nostro paese, troviamo Scanno. Incantevole è il suo piccolo centro storico, caratterizzato da stretti vicoli e da case irregolari e mai uguali che, tuttavia, si compongono in un complesso armonico. Il paesino appare come un piccolo presepe vivente, circondato dai Monti Marsicani in provincia di L’Aquila. Da non perdere, per i più romantici, una visita al Lago di Scanno, il più grande bacino naturale della regione, dalla particolare forma a cuore.

Recanati – Marche

Celebre per aver dato i natali a uno degli autori italiani più famosi al mondo, Giacomo Leopardi, Recanati è naturalmente ricco di storia. Infatti, conserva monumenti e palazzi che via via faranno rivivere ai visitatori i diversi periodi storici che il paese ha ospitato. Da segnalare la visita alla Chiesa di Sant’Agostino, al cui interno colpisce certamente l’affresco medievale raffigurante l’Ultima Cena. La Chiesa è, inoltre, famosa per via del suo campanile, che ha ispirato la nota poesia Il passero solitario. Non potrà quindi mancare nella vostra giornata in questo bel borgo, la visita della casa in cui visse Leopardi.

Recanati. PhotoCredit: Bonculture.
Recanati. PhotoCredit: Bonculture.

Ravello – Campania

Appartenente a una delle aree più belle e ammirate d’Italia, Ravello è sicuramente la meta più celebrata e tappa obbligata della Costiera Amalfitana. L’incredibile paesaggio che ammirerete una volta giunti nel borgo è uno spettacolare trionfo di monumenti, ville e chiese che dominano l’intero litorale da una posizione rialzata, in grado di togliere il fiato ai numerosi visitatori. Fra i luoghi d’interesse va certamente segnalata la fiabesca Villa Rufolo, risalente al 1200, voluta dalla omonima famiglia: è ancora oggi il luogo d’eccellenza per gli innamorati e gli appassionati di fotografia. Grazie alla immensa terrazza fiorita e alla sua posizione a picco sul mare regala momenti indimenticabili.

Erice – Sicilia

Il nostro viaggia nell’Italia dei borghi medievali si conclude con Erice, un meraviglioso paesino arroccato sul monte siciliano da cui prende il nome. A colpire i visitatori è innanzitutto la posizione di dominio rispetto alla sottostante pianura che si affaccia sul mare. Il panorama è da togliere il fiato, già a partire dalla funivia che si può prendere per salire nel borgo di Erice in tutta comodità. Una volta saliti, appare eterno il fascino del Castello di Venere, di cui restano ancora intatte le strutture medievali, di origine normanna. Una passeggiata tra le viuzze, ricche di botteghe che offrono un assaggio della cucina locale, è decisamente obbligata!

Erice. PhotoCredit: Siviaggia.
Erice. PhotoCredit: Siviaggia.

Nonostante il nostro viaggio si concluda qui, i borghi medievali italiani sono ancora tantissimi. Ognuno di essi ha una particolarità e caratteristiche che li rendono davvero unici. In un periodo in cui spostarsi è diventato complicato, perché non aiutare a crescere il turismo locale? E voi, quale borgo riuscite a raggiungere facilmente?

Martina Pipitone

© RIPRODUZIONE RISERVATA