In Italia da nord a sud sono presenti ancora nuovi focolai di contagi da coronavirus. Anche se in molte regioni italiane l’indice Rt (l’indice di trasmissibilità) è sotto l’1%, è stato registrato infatti un aumento di focolai nel nostro paese. Contagi che meritano attenzione perché seppur circoscritti destano preoccupazione. Si tratta di cluster di grandi dimensioni che vanno dalla Lombardia alla Sicilia

In Italia sono stati riscontrati nuovi focolai da coronavirus
Coronavirus, fonte leggilo.org

Coronavirus, quali sono i nuovi focolai


In base all’ultimo rapporto stillato da Iss e ministero della Salute presentato il 31 luglio, si evince che dal 20 al 26 luglio, sono stati registrati nel nostro paese nuovi focolai. Non si tratta solo di nuovi contagi portati da stranieri e migranti come è accaduto in Veneto nel centro di accoglienza di Casier dove ci sono più di 100 persone positive per un indice Rt che è salito all’1,6. Ci sono anche focolai tra persone italiane come nel caso di Mantova dove tra un macello e un salumificio sito nelle vicinanze sono stati riscontrati 50 contagiati. Un altro focolaio importante al nord è stato individuato a Rovereto nella ditta di spedizioni Bartolini con decine di contagiati che hanno infettato anche i familiari.

In Italia sono stati riscontrati nuovi focolai da coronavirus
Coronavirus, fonte ilforo.eu

I focolai al Sud


Oltre che nelle regioni già duramente colpite del nord nuovi focolai sono stati riscontrati anche nelle cosiddette regioni più sicure del sud italia. In Campania, ad esempio, dopo il caso Mondragone è stato riscontrato un focolaio preoccupante a Pozzuoli dove risultata contagiato un dentista di un affollato ambulatorio. Oltre 20 casi di contagio sono stati registrati anche a Cosenza per un probabile nuovo focolaio. In Puglia invece sono stati scoperti due micro focolai familiari dovuti a una festa di compleanno di 18 anni. Anche in Sicilia si fa i conti con un possibile focolaio a Messina dove sono stati già registrati 5 contagi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA