Attualità

Covid Italia: le ultime notizie, bollettino e cosa cambia dal 1 maggio

Nel bollettino di ieri 69.204 nuovi casi e 131 morti. Il tasso di positività è ora al 15,7%. Le ultime notizie Covid in Italia riguardano l’ordinanza firmata da Speranza riguarda la proroga per le mascherine al chiuso fino al 15 giugno”. Resteranno infatti obbligatorie in ambito sanitario, nel trasporto pubblico locale e a lunga distanza, negli studi professionali, nei cinema e teatri e negli eventi sportivi al chiuso. Le ultime notizie Covid parlano però anche di uno stop al Green Pass da domenica.

Intanto la Corea del Sud ha scelto di rimuovere l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto da lunedì 2 maggio, malgrado la situazione critica di 50.000 casi quotidiani. Il premier Kim Boo-kyum ha perso la decisione sulla scia della cancellazione, avvenuta la settimana scorsa, della maggior parte delle restrizioni sul distanziamento sociali anti-contagio. In Cina invece 46 sono le città in stato di lockdown per 343 milioni di persone. Negli Stati Uniti intanto Moderna ha chiesto all’FDA l’autorizzazione a vaccinare i bambini sotto i 6 anni di età.

Stop al Green pass in Italia

Da domenica 1° maggio verrà eliminato il Green Pass, “una vera svolta per l’Italia” ha commentato il sottosegretario alla Salute Costa. Come previsto infatti dall’ultimo decreto Covid del 24 marzo, non sarà più richiesta la certificazione verde in praticamente tutti i luoghi in cui uno ad ora era invece obbligatoria. Niente più certificato quindi in: treni, traghetti e pullman inter-regionali, ber e ristoranti al chiuso, aerei, palestre e piscine al chiuso, convegni e congressi, discoteche e sale da gioco, teatri, cinema, concerti, feste e cerimonie. Questa scelta da parte del governo è giustificata dal dato del 96,22% della popolazione protetta dalla dose booster o dalla guarigione dopo la seconda dose.

Fino al prossimo 31 dicembre servirà il Green pass rafforzato in ospedali ed Rsa. Per viaggiare sarà invece sufficiente il certificato verde base, richiesto all’arrivo nella nazione prescelta. Le regole ovviamente possono cambiare a seconda dei Paesi di destinazione.

Back to top button