Motori

F1: Vittoria Red Bull e occasione persa Mercedes, ecco le pagelle

In quello che doveva essere uno weekend a favore di Mercedes, l’olandese Max Verstappen ottiene una fantastica vittoria sul circuito di Austin negli Stati Uniti.

Le pagelle

Il GP di Austin ha visto protagonista ancora una volta Verstappen, ma non è il solo ad aver corso in ottima maniera. Male la Mercedes, la Ferrari poteva fare di più.

F1-Red Bull: 9 al team; 9 a Verstappen; 8.5 a Perez: L’unica sbavatura è l’indecisione dell’olandese al momento del via. Per il resto, le Red Bull hanno stupito tutti perché, come già noto, avrebbe dovuto essere il GP di Hamilton. Le due monoposto hanno raggiunto il posto più e quello più basso del podio. Un autentico trionfo.

F1-Mercedes: 5 al team; 8 a Hamilton; 5 a Bottas: Bottas si perde nuovamente in una gara anonima. Parte male dalla nona posizione e riesce solamente ad arrivare sesto. Hamilton parte bene e riesce a prendere la testa della corsa. Quando dopo una decina di giri Verstappen si ferma però, il muretto tedesco “resta nel limbo”: non si fermano subito e così l’undercut Red Bull va a buon fine. Il team Mercedes perde troppo tempo e non permette al pilota britannico di colmare il gap con l’olandese. Occasione persa.

F1-Ferrari: 6 al team; 8 a Leclerc; 7.5 a Sainz: Il voto dato alla scuderia è un mix tra l’errore sul pit stop di Sainz e la buona prestazione su un circuito ostico. L’aggiornamento sulla parte ibrida, capace di aumentare l’efficienza nelle fasi di accumulo, giova ai due piloti. Sainz è sfortunato ai box, Leclerc tallona Perez per tutta la gara ma non riesce ad arrivare terzo pur con un’ottima prestazione.

Occasione persa per la Mercedes

La vittoria di Verstappen stupisce. Hamilton, secondo gli esperti, avrebbe avuto tutte le carte in regola per vincere sul circuito americano e accorciare in classifica proprio sull’olandese. La gestione delle gomme da parte di Verstappen è stata impeccabile e ad Hamilton non rimane che prendersela con in suo team per la gestione dei tempi.

Lorenzo Tassi

Seguici anche su https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia

Adv
Adv
Adv
Back to top button