Istituto Via Trionfale: la preside non cancellò il testo sul sito

Foto dell'autore

Di Stefano Delle Cave

La preside non cancellò  ne cambio il testo sul sito dell’istituto Via Trionfale di Roma che divideva i 4 plessi della scuola complessiva in scuole per la borghesia e ceto basso. Nessuna direttiva del Miur seguita nella formulazione del testo

Istituto Via Trionfale: è stato un errore della preside

È richiesta precisa ancora il Miur una semplice analisi del contesto al fine di definire al meglio le scelte didattiche e l’offerta. Pertanto è stata una libera scelta dell’Istituto inserire quel testo in una pagina di presentazione della scuola”, fanno sapere del Miur dopo aver verificato il testo sul sito dell’istituto Via Trionfale che divideva i suoi 4 plessi in scuole per alunni ricchi e per ceti bassi.

i genitori dell’Istituto Via Trionfale

Anzi la preside, secondo il Miur, non avrebbe seguito nessuna direttiva ministeriale, come aveva dichiarato per giustificare quel messaggio che ha scatenato non poche polemiche. ”Non c’è mai stato un plesso di serie A né uno di serie B. Di certo quella presentazione è stata scritta male”, ha spiegato uno degli insegnati dell’Istituto Via Trionfale . Eppure quel testo era sul sito della scuola dal 2012 senza che fosse mai stato cancellato o modificato dalla preside dell’istituto.

La preside dell'istituto Via Trionfale non ha cancellato il messaggio incriminato
Quartiere Trionfale, fonte it.wikipedia.org

Il collegio d’istituto dei genitori ne aveva chiesto la cancellazione

Nel settembre 2019 il collegio d’istituto dei genitori aveva chiesto la cancellazione del testo incriminato perché “con il nuovo sito quel messaggio era diventato maggiormente visibile e, per come era stato scritto, aveva creato dei comprensibili malumori”, ha detto il presidente Francesco D’Anzilio. Ciò prima del 15 gennaio non è mai avvenuto anzi “lo ammetto, quella pagina ci è sfuggita scrive quelle parole pur descrivendo oggettivamente il territorio, non fotografano neppure lontanamente il nostro sentire di esseri umani e docenti. Siamo impegnati giornalmente a combattere discriminazioni e pregiudizi”, scrive in una lettera una docente dell’istituto.

La preside dell'istituto Via Trionfale non ha cancellato il messaggio incriminato
Un’aula scolastica, fonte commons.wikipedia.org

I genitori degli alunni sono sul piede di guerra. Nel frattempo i bambini della quinta elementare di Assarotti , plesso che sarebbe riservato al ceto basso, sono alle medie alla Taverna, il plesso per il ceto medio-alto, come è stato previsto per il progetto della continuità scolastica.