Toprak Razgatlioglu, clamoroso: scelto il nuovo team di Superbike!

Foto dell'autore

Di Redazione Sport

Notizie su notizie nel mondo della Superbike con un solo, enorme, protagonista. La giornata di ieri è stata fortemente calamitata dalla fine delle relazione che legava il centauro Toprak Razgatlioglu ai colori del team Yamaha. I due resteranno insieme fino al termine di questa stagione, sempre più dominata dalla Ducati di Alvaro Bautista, per poi dirsi addio. Il turco ha già trovato una nuova destinazione, sempre nell’universo della SBK: è la BMW che ha ufficializzato il suo acquisto.

Toprak Razgatlioglu in BMW: le parole degli esponenti del Costruttore di SBK

(Credit foto – account Twitter del pilota turco)

Un caloroso benvenuto nella famiglia BMW Motorrad Motorsport, Toprak Razgatlioglu – ha detto Markus Schramm, responsabile di BMW Motorrad. Siamo molto lieti di dargli il benvenuto nella nostra squadra di piloti ufficiali WorldSBK a partire dalla prossima stagione. Sono molto orgoglioso che Toprak abbia scelto BMW Motorrad. Questo è un passo avanti per il nostro progetto e un forte impegno per BMW Motorrad Motorsport nel Mondiale Superbike“.

Toprak Razgatlioglu è senza dubbio uno dei migliori piloti del momento – ha aggiunto Marc Bongers, Direttore di BMW Motorrad Motorsport. Lo ha dimostrato non solo vincendo il titolo del Campionato del Mondo 2021. Ma non è solo un pilota veloce, possiede anche una grande personalità fuori dalla pista. Siamo convinti che Toprak si inserirà molto rapidamente nella famiglia BMW Motorrad Motorsport. Non vediamo l’ora di lavorare insieme“.

Solo una questione di soldi?

L’interrogativo è sul tavolo. Come non potrebbe esserlo, d’altronde? L’ex campione del mondo della Superbike nel 2021 si è spesso lamentato della poca competitività della moto del Costruttore nipponico negli ultimi anni: queste frizioni hanno portato, inevitabilmente, alla fine del rapporto. Il turco si è legato ufficialmente alla BMW dal 2024, team che non staziona nelle prime posizioni di questo Mondiale. Solo i soldi hanno spinto, quindi, l’ex numero uno tra le braccia con sede a Monaco di Baviera? Il dubbio può legittimamente sorgere…

(Credit foto – account Twitter del pilota turco)

Seguici su Google News