Cinema

Morto Renato Cecchetto, era il doppiatore di Shrek e Toy Story

Adv
Adv

Renato Cecchetto ci lascia a 70 dopo un ricovero a seguito di un incidente.

Renato Cecchetto è noto al grande pubblico per aver doppiato Shrek ha una lunga e varia carriera alle sue spalle

Si è spento a 70 anni all’Ospedale San Camillo di Roma, il 24 gennaio 2022, dopo una lunga e corposa carriera tra teatro, doppiaggio, cinema e videogiochi. L’attore e doppiatore è noto al grande pubblico per aver prestato la sua voce a Shrek e a tanti altri personaggi dei capolavori Pixar. Era ricoverato a causa delle ferite riportate dopo un incidente in scooter. “Una notizia che lascia sgomento e dolore”, ha dichiarato Omar Barbirato, sindaco di Adria, la città natale di Cecchetto annunciandone la scomparsa.

“Ho appena appreso della scomparsa di Renato Cecchetto.” scrive su facebook in sindaco. “Esprimo il mio personale #cordoglio e quello di tutta la comunità adriese che rappresento, alla famiglia di Renato, alla moglie Miriam, al figlio, alla sorella Alice e a quanti gli erano vicini. Renato era legato alla sua #Adria, alla sua Baricetta, dove aveva vissuto con la famiglia fino all’età di vent’anni, per poi proseguire gli studi all’accademia nazionale d’arte drammatica “Silvio d’Amico” di Roma e intraprendere la carriera di attore di teatro, cinema e anche doppiatore”.

Tutti i suoi lavori più importanti:

Una carriera lunga e molto varia: Shrek, il maialino Hamm in ‘Toy Story, lo Yeti nei film ‘Monsters & Co’, P.T. Pulce in ‘A Bug’s Life‘, Mack in ‘Cars‘, Bill ne ‘La ricerca di Dory‘, Juan Ortodoncia in ‘Coco‘, Cleveland Brown ne ‘I Griffin‘ sono solo alcuni dei personaggi che ha doppiato. Ma sua voce è celebre anche nel mondo del gaming: ha doppiato Manny Calavera in ‘Grim Fandango’ e Charlie Sidjan in ‘Hitman 2: Silent Assassin’. 

Al cinema Cecchetto ha lavorato in più di 80 film, diretto da registi come Mario Monicelli, Steno, Marco Ferreri, Damiano Damiani e Florestano Vancini. Ha recitato ne ‘I Fichissimi’ di Carlo Vanzina e in ‘Fracchia la belva umana‘ di Neri Parenti, che lo ha diretto anche in ‘Fantozzi alla riscossa’. E ancora, in ‘Amici miei – Atto II’, dove tutti lo ricordano come “Verdirame Augusto da Brescia”, l’amante della moglie di Guido Necchi, interpretato da Renzo Montagnani. Poi ‘Parenti Serpenti’ di Mario Monicelli, ‘Abbronzatissimi’ e ‘Abbronzatissimi 2 – Un anno dopo’ di Bruno Gaburro.

Non possiamo dimenticare poi il suo amore per il teatro da dove è nato tutto. Nel 2012 ha portato in scena in prima nazionale al Teatro Spazio Uno di Roma “La moglie del Fornaio” di Marcel Pagnol interpretando il ruolo di Aimable e firmando traduzione e regia; nel 2014 ha diretto la pièce “Physique des rôles” di Miriam Spera in prima nazionale al Teatro Trastevere di Roma. Sempre di Miriam Spera, nel 2016 “La Recita di Lolek” e nel 2018 “Rear Wall – Il muro sul cortile”, entrambi andati in scena al Teatro Petrolini di Roma. Altre notizie sulla sua carriera si possono trovare su Wikipedia.

Enrica Nardecchia.

Twitter https://twitter.com/MMagazineItalia
Instagram : https://www.instagram.com/metropolitanmagazineit
Facebook: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button